Aggiornamento KB4480970 causa problemi di rete su alcuni PC

Aggiornamento KB4480970 causa problemi di rete su alcuni PC

Microsoft ha iniziato a distribuire l’aggiornamento per Windows 7 KB4480970 che, secondo molte segnalazioni, ha modificato le impostazioni di rete su alcuni sistemi; causando dei problemi.
Se si installa l’aggiornamento cumulativo di gennaio 2019 sul sistema operativo Windows 7, è possibile che chi utilizza SMBv2 potrebbe avere problemi di connettività imprevisti.

Proprio questa mattina diversi clienti hanno chiamato il nostro ufficio perché non erano più in grado di accedere alle loro cartelle condivise.

L’eliminazione dell’aggiornamento identificato con il numero : KB4480970 ha risolto il problema.

Segnaliamo inoltre che :

sia l’aggiornamento per Windows 7 id: KB4480970 che l’id: KB4480960 causano questo tipo di problemi di rete su SMBv2; quindi se il problema non dovesse risolversi rimuovento l’aggionamento KB4480970 , procedete alla disinstllazione anche del KB4480960.

 

Se non siete disposti a perdere le patch di sicureza introdotte con i rollup sopra elencati potete eseguire un comando al prompt con i privilegi elevati che può risolvere:

reg add HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\system / v LocalAccountTokenFilterPolicy / t REG_DWORD / d 1 / f

Riavviare il PC.

Le patch di sicurezza segnalate tra i vari fix hanno risolto un difetto di PowerShell e ha aggiunto ulteriori protezioni per gli attacchi del canale laterale Meltdown e Spectre.

 

Nel caso fosse necessario riabilitare il protocollo di condivisione di rete SMBv2 vi consiglio di utilizzare questo documento Microsoft per recuperare le facili informazioni necessarie :

https://support.microsoft.com/it-it/help/2696547/detect-enable-disable-smbv1-smbv2-smbv3-in-windows-and-windows-server

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI PC-GURU.IT

Grazie all’iscrizione ti informerò ogni volta che pubblicherò un nuovo contenuto.

Non perderti nemmeno un articolo!

Iscriviti alla nostra newsletter inserendo la tua mail qui :


 

 
admin

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *