Microsoft Exchange Server 2013 CU10 il computer deve essere riavviato per completare

Microsoft Exchange Server 2013  Cumulative Update 10

Impossibile continuare, il computer deve riavviato per completare!

Sempre più frequentemente durante l’applicazione di un aggiornamento di Microsoft Exchange Server all’ultimo SP o Cumulative Update ( CU ); dopo aver lanciato l’eseguibile setup.exe ci troviamo davanti al terribile messaggio  “Impossibile continuare, il computer deve riavviato per completare!”

exts1

 

Una volta riavviato il server, atteso che tutti i servizi siano ripartiti si riprova il setup ma purtroppo l’installazione di Microsoft Exchange Server 2013 non può continuare perché è stato rilevato NUOVAMENTE che il computer locale deve essere riavviato per completare l’installazione di altri programmi o gli aggiornamenti di Windows.

Come è possibile risolvere?

I metodi per risolvere il problema descritto fondamentalmente sono tre :

1) Riavviare il server almeno 2 volte.

Questa procedura permette a windows di cancellare alcune chiavi di registro dove vengono conservati gli stati degli aggiornamenti di Windows Update. Anche io, scettico, ho potuto verificare che questa soluzione alle volte funziona senza troppi problemi.

2) Fare un Windows Update della macchina e riavviare.

Anche in questo caso le chiavi di registro che memorizzano lo stato degli aggiornamenti vengono svuotate.

3) Cancellare manualmente dal registro i riferimenti ai riavvii sospesi.

Questa soluzione è la più efficace e se le precedenti non funzionano è l’unica alternativa possibile da percorrere.

Per prima cosa è bene fare un salvataggio del registro, in caso di problemi ci può salvare! Diversamente se lavoriamo in ambiente virtuale è bene eseguire uno snapshot del server.

Exchange Server Analyzer legge la seguente chiave del Registro di sistema per determinare se è necessario il riavvio del sistema dopo l’installazione o la rimozione di un aggiornamento software quale un aggiornamento della protezione, un aggiornamento critico o un aggiornamento rapido.

HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Updates\UpdateExeVolatile

Exchange Analyzer verifica inoltre la seguente chiave del Registro di sistema per determinare se la precedente installazione di un aggiornamento software non è stata completata e se è necessario riavviare il sistema per completare l’installazione.

HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Session Manager\PendingFileRenameOperations

Se una delle seguenti condizioni è vera, verrà visualizzato un messaggio di errore:

  • Il valore della chiave del Registro di sistema UpdateExeVolatile è diverso da 0.
  • La chiave del Registro di sistema PendingFileRenameOperations presenta un valore qualsiasi.

Questo errore indica che il riavvio da un’installazione o aggiornamento precedente è in sospeso ed è necessario riavviare il sistema per poter continuare l’installazione di Exchange.

Per rimuovere un valore orfano della chiave UpdateExeVolatile del Registro di sistema

  1. Aprire un Editor del Registro di sistema quale Regedit.exe o Regedt32.exe.
  2. Passare a HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Updates\.
  3. Nel riquadro di spostamento a destra fare doppio clic sulla chiave UpdateExeVolatile.
  4. Configurare la chiave con il valore 0.
  5. Chiudere l’Editor del Registro di sistema.

Per eliminare la chiave orfana PendingFileRenameOperations del Registro di sistema

  1. Aprire un Editor del Registro di sistema quale Regedit.exe o Regedt32.exe.
  2. Passare a HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Session Manager\.
  3. Nel riquadro di spostamento a destra fare doppio clic sulla chiave PendingFileRenameOperations e scegliere Elimina.
  4. Chiudere l’Editor del Registro di sistema.

 

Riavviare successivamente il sistema e rieseguire l’installazione di Exchange.

Ora il nostro setup potrà proseguire normalmente.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI PC-GURU.IT

Grazie all’iscrizione ti informerò ogni volta che pubblicherò un nuovo contenuto.

Non perderti nemmeno un articolo!

Iscriviti alla nostra newsletter inserendo la tua mail qui :


 

 

 

 
admin

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *