Risolvere “Secure Boot Violation” dopo l’aggiornamento KB3133977

Risolvere “Secure Boot Violation” dopo l’aggiornamento KB3133977

Dopo l’installazione dell’aggiornamento Microsoft KB3133977 per Windows 7, alcuni utenti potrebbero trovarsi di fronte ad un messaggio di errore dopo il riavvio della macchina.

La schermata di errore riporta una violazione che impedisce al sistema di avviare il sistema operativo e si presenta con una form rossa riportante il messaggio :  “Secure Boot Violation”

 

secure-boot-violation

 

Questa funzionalità chiamata appunto “Microsoft Secure Boot” è stata creata per proteggere i sistemi dell’utente da attacchi malware, molte schede madri tra cui ASUS implementano questa features per impostazione predefinita.

Questa funzione esegue un controllo all’avvio nel sistema operativo sulle firme digitali dei vari software installati.

Purtroppo  Windows 7 non supporta Secure Boot  ( https://technet.microsoft.com/en-us/library/hh824987.aspx ) e con con l’aggiornamento numero KB3133977 il sistema potrebbe rilevare delle chiavi incoerenti, con il conseguente blocco di avvio del sistema operativo.

 

Vediamo quindi come disabilitare dal BIOS della macchina questa funzionalità.

L’esempio ripartato fa riferimento ad una mainboard ASUS.

Step 1: premere Del or F2 per entrare nei settings del  BIOS UEFI

 

biosuefi

 

Step 2: Selezionare UEFI Ez Mode, e premere F7 per entrare nell’ Advanced Mode

 

biosuefi2

 

Step 3: selezionare Advanced Mode Menu->Boot->Secure Boot

 

biosuefi3

 

Step 4: cambiare “OS type” in “Other OS”

 

biosuefi4

 

Step 5: premere F10 per salvare i cambiamenti

 

biosuefi5

 

Step 6: verificate nel UEFI Advanced Menu->Boot->Secure Boot, che lo switch “Platform Key (PK) State” sia settato su  “Unloaded”

 

biosuefi6

 

Step 7: uscite dal Bios UEFI

 

Bene ora il vostro sistema operativo Microsoft Windows 7 partirà senza ulteriori problemi.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI PC-GURU.IT

Grazie all’iscrizione ti informerò ogni volta che pubblicherò un nuovo contenuto.

Non perderti nemmeno un articolo!

Iscriviti alla nostra newsletter inserendo la tua mail qui :


 

 

 

 

 

 

 

 

 
admin

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *