SPAM – Cos’è e cosa significa.

 

SPAM – Cuntitledos’è e cosa significa.

Il termine SPAMtrae origine da uno sketch comico del Monty Python’s Flying Circus, trasmesso alla fine del 1970, che ironizzava su una nota marca di carne in scatola. Un nomignolo scanzonato per ciò che in ambito informatico è identificato con precisione dall’espressione inglese “Unsolicited Bulk Email”.

“Unsolicited”, non richiesto, significa che il destinatario non ha concesso alcun permesso verificabile per l’invio del messaggio. “Bulk”, in grande quantità, significa che il messaggio è stato inviato come parte di un gruppo più ampio di messaggi, tutti con contenuti sostanzialmente identici. Un messaggio è quindi da considerarsi Spam solo quando è contemporaneamente sia “Unsolicited” che “Bulk”.

Ci sono molti casi in cui un messaggio può essere “Unsolicited” ma non Spam. Alcuni esempi sono le richieste di primo contatto, le richieste di lavoro, le richieste di vendita. Allo stesso modo abbiamo molti messaggi che possono essere “Bulk” senza essere Spam. Le newsletters, le comunicazioni con i clienti, le liste di discussione sono esempi di questo tipo.

Un messaggio elettronico è quindi da considerarsi Spam se verifica le seguenti due condizioni:

  • (A) se l’identità personale del destinatario e il contesto sono resi irrilevanti da un messaggio che è ugualmente applicabile a molti altri potenziali destinatari.
  • (B) se il destinatario non ha concesso alcun consenso verificabile in modo volontario, esplicito, e revocabile all’invio del messaggio.

Lo spam è un problema sul consenso, non sul contento. Il contenuto di un “Unsolicited Bulk Email” (“UBE”) è irrilevante. Può essere una pubblicità, una truffa, un porno, una lettera di accattonaggio o un’offerta per un pasto gratuito: se il messaggio è stato inviato “Unsolicited” e “Bulk” allora il messaggio è da considerarsi  Spam.

Lo spam non è un sotto-insieme di UBE, non ci sono distinzioni in questo senso. Non importa se è una truffa o semplicemente un messaggio che non contiene il link di cancellazione: se contemporaneamente è “Unsolicited” e “Bulk” allora è Spam. Fine della discussione.

Questa distinzione è molto importante perché diversamente i legislatori spenderebbero un’enorme quantità di tempo cercando di regolare il contenuto dei messaggi di spam, e così facendo incontrerebbero problemi legati alla “libertà di parola”, senza rendersi conto che il problema spam è qualcosa semplicemente legato al metodo di consegna.

Varie giurisdizioni hanno varato dufferenti leggi per controllare quello che chiamano Spam. Un esempio particolare è la legge US S.877 (CAN-SPAM Act 2004). Ogni legge affronta Spam in modi diversi, e di conseguenza, presenta spesso diverse definizioni di ciò che essi riconoscono o chiamano Spam. La definizione secondo gli standard industriali è “Unsolicited Bulk Email”, che sottolinea come “non si tratti di contenuti, ma si tratti di consenso”. In questo senso argomentazioni sul fatto che messaggi “Unsolicited” e “Bulk” siano compatibili o meno con la legge CAN-SPAM sono del tutto irrilevanti.

L’invio di Unsolicited Bulk Email (“UBE”) è vietato da tutti i fornitori di servizi Internet in tutto il mondo. Chiunque invii UBE attraverso Internet, indipendentemente dal fatto che il contenuto sia commerciale o meno, illegale o no, è un mittente di posta indesiderata – e quindi un spammer.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI PC-GURU.IT

Grazie all’iscrizione ti informerò ogni volta che pubblicherò un nuovo contenuto.

Non perderti nemmeno un articolo!

Iscriviti alla nostra newsletter inserendo la tua mail qui :


 

 
admin

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *